Gli italiani risparmiano nel mattone. Ma quali risparmi? (grafici)

Puntualmente sui giornali compaiono questi titoli: torna la voglia di mattone; gli italiani riscoprono il mattone; investire? solo nel mattone. Ed è vero, quando hanno dei risparmi, i più scelgono la casa come bene rifugio. Ma il problema sembra essere un altro: chi può davvero risparmiare? secondo uno studio della confcommercio, i risparmi delle famiglie sono in caduta libera

Dopo la crisi finanziaria la voglia di investimenti in borsa o in fondi, è decisamente più bassa. Ma il problema è un altro: dal 1990 la capacità di risparmio è scesa del 60%. Ciò significa che se venti anni fa su 100 euro se ne risparmiavano 23, oggi le famiglie possono metterne da parte poco più di nove

4.000 euro all'anno nel 1990, 1.700 nel 2010: meno della metà, secondo l'ufficio studi della confcommercio. La prima causa di questa contrazione è la stagnazione del reddito disponibile. La seconda riguarda l'età media della popolazione. Ma il crollo verificatosi tra il 2008 e il 2010 si può imputare solo al primo fattore: la diminuzione del reddito

Secondo la confcommercio gli effetti della recessione si vedono proprio sul risparmio, più che sui consumi e le cifre mostrano una situazione ben peggiore, se si sceglie quest'ottca: la tradizionale capacità di risparmio degli italiani è semplicemente crollata

Se il mattone è il bene rifugio per eccellenza, il problema è un altro: ci sono meno soldi per tutto, anche per il mattone. Guardiamo infatti questa tabella

Vediamo che i consumi nel 2010 si sono ripresi, mentre i risparmi e gli investimenti in abitazioni sono scesi. Quindi dire, come fanno in molti, che ritorna la voglia di investire nel mattone, è un'affermazione che va ridimensionata

Poi è vero che, con i risparmi a disposizione, il mattone è la scelta preferita (per ilo 31, 7% degli intervistati da confcommercio), ma seguita a ruota dalla liquidità in banca (29, 5%), comportamento che del resto si spiega bene con la bassa inflazione degli ultimi due anni

Efterlad Din Kommentar

Please enter your comment!
Please enter your name here