Operazione "Pizza Ciro": confiscati alla Camorra 41 immobili e 28 locali commerciali

Colpo grosso dei carabinieri all'interno dell'operazione "Margarita", meglio conosciuta come "Pizza Ciro". Gli agenti del comando provinciale di Roma hanno infatti confiscato beni per 80 milioni appartenenti agli imprenditori Luigi, Antonio e Salvatore Righi e Alfredo Mariotti, i primi tre già arrestati. Tra le proprietà confiscate anche 28 esercizi commerciali e 41 immobili.

Dalle indagini è emerso che i fratelli Righi erano riciclatori della camorra napoletana, in particolar del clan Contini. Divenuti proprietari di una holding di società attive nella gestione di numerosi ristoranti pizzeria ubicati nelle principali vie di pregio del centro storico, gestivano i loro affari in maniera illecita, mediante una rete di società intestate a prestanome, finalizzate al reimpiego e all'occultamento di ingenti risorse economiche di provenienza illecita.

Dell'impero confiscato, oltre agli esercizi commerciali (bar, ristoranti e pizzerie) e agli immobili, facevano parte anche 385 rapporti finanziari-bancari, 76 veicoli, 77 società e 300mila euro di denaro contante rinvenuti nel corso delle operazioni.

Efterlad Din Kommentar

Please enter your comment!
Please enter your name here